Eventi

YOGA – NATURA – CULTURA / WORKSHOP N.2 DEL 2-3-4 AGOSTO 2019

QUESTO WORKSHOP DI YOGA SULL’APERTURA DELLE SPALLE SI SVOLGERÀ’ IL SECONDO FINE SETTIMANA DI AGOSTO 2-3-4 2019 NELLE MARCHE.

Siamo felicissimi di presentarvi questo secondo week-end, durante il quale dedicarsi alla pratica dello Yoga Asana e “perdersi” in fantastiche escursioni a stretto contatto con la natura.

Proponiamo l’esperienza sia a chi già conosce la disciplina, sia a chi ne è incurioto e vorrebbe scoprirla.

Questo workshop, anche se di un solo week-end, mira a ottimizzare gli esercizi da svolgere per lavorare sull’apertura delle spalle e ad acquisire la necessaria confidenza per continuare a praticare in modo autonomo senza il timore di forzare troppo.  E’ un Workshop aperto a tutti, ottimo sia per i neofiti sia per chi già pratica Yoga e vuole approfondirne o chiarirne alcuni aspetti.

Durante questi tre giorni insieme, di particolare interesse dal punto di vista dello Yoga, soggiorneremo in un  posto davvero magico, all’interno di un Monastero completato nel secolo XVI; ci immergeremo in un incantevole contesto naturale, lasciandoci sorprendere dall’avventura, dall’imprevisto, dalla scoperta.

Le escursioni non saranno affatto estreme e non richiederanno una specifica preparazione fisica. Affronteremo a volte passeggiate in salita per raggiungere dei punti panoramici, scenderemo in grotta e cammineremo lungo il torrente, bagnandoci in acque non profonde ma fresche di 16 gradi circa.

  • Per i non tesserati dell’associazione sarà necessario effettuare il tesseramento di 15 euro annuali.
  • Si richiedera’ pertanto di inviare anticipatamente il proprio codice fiscale, nome e cognome, documento di identita’ con specificati luogo del rilascio e data di scadenza e un valido certificate medico non agonistico.
  • Massimo di partecipanti 29.
  • Richiesta una caparra del 40% del totale non rimborsabile entro il 16 di Maggio.

Una e-mail con maggiori informazioni seguira’ la vostra richiesta di partecipazione. Per qualsiasi cosa inviateci pure un messaggio a questo indirizzo:  associazioneilmioyoga@gmail.com

N.B. L’itinerario potrebbe subire delle modificazioni a seconda delle condizioni atmosferiche.

 

1 – GIORNO PRIMO

MATTINO: Arrivo entro le 11.00. Presentazioni e ambientamento. Check in nelle camere alle ore 15.00.

VIDEO: https://youtu.be/_PjXjXW0ozs

Alle 12.30 pranzo insieme.

POMERIGGIO: Alle 14.30 visita guidata all’interno del Monastero. Al termine check-in nelle stanze della Foresteria.

Appena lasciati i bagagli nelle proprie stanze useremo le auto per raggiungere un rifugio e da li risalire a piedi la vetta del Monte.

Ritorno in Monastero previsto per le 19.30 circa.

VIDEO: https://youtu.be/pIArleTBHGU

VIDEO: https://youtu.be/7m3xwTGTQRs

 

2 – GIORNO SECONDO

MATTINO: Il Secondo giorno inizia con la pratica dalle 7.00 alle 8.30 rivolta all’apertura delle spalle presso l’Abbazia dei Templari.

VIDEO: https://youtu.be/eb0vHCZJNIw

Segue una colazione presso il Ristorante sul lago 8.45 – 9.45.

Partenza in auto per un breve Trekking fino alla cresta della spaccatura rocciosa nel Regno del Dio Vulcano.

Pranzo previsto attorno alle 13.00.  Pranzo presso un Ristorante della zona.

POMERIGGIO: Un po’ di Relax in piscina e sulle amache e poi partenza per un mini trekking seguendo il torrente fino ad arrivare e attraversare il bellissimo cliff di calcare massiccio per poi risalire alla strada, ma non dopo aver fatto un bagno rinfrescante nelle limpide acque del torrente.

 

VIDEO: https://youtu.be/LUVtmkaiLac

VIDEO: https://youtu.be/F3s64o0tf2A

 

3 – GIORNO TERZO

MATTINO: Il Terzo giorno sempre ci ritroveremo alle 6.30-8.00 presso l’Abazia per la pratica. Seguirà la colazione dalle 8.00 alle 8.30 massimo.  Ore 9.00 circa partenza in auto per un Mini trekking panoramico delle vallate circostanti fino ad arrivare alla roccia verticale e poi ritorno lungo lo stesso sentiero.

VIDEO: https://youtu.be/xg748LO9KKw

POMERIGGIO: Verso le 13.00 pranzo in un ristorante tipico presso il Castello.

14.30 circa Visita al Castello.

POMERIGGIO: Alle 15.30 circa bagno al fiume.  (Portate un costume da bagno)

Rientro presso il Monastero previsto per ler 17.30 – 18.00.

 

Che cosa si intende per vacanza? In genere si associa questo termine a un periodo di riposo dal lavoro, durante il quale sembra quasi obbligatorio concentrare attività che non possiamo permetterci nel resto dell’anno. Ci facciamo allora incatenare dallo stress, incolonnati alla ricerca di luoghi famosi da esibire in foto al nostro ritorno, o ci tuffiamo in mezzo al caos di località turistiche che promettono divertimento e novità e ci offrono comodità e servizi di ogni tipo.

A volte, invece, cerchiamo soltanto di allontanarci dalla noia quotidiana e scegliamo mete lontane, col desiderio di dare uno sguardo ad altri angoli di mondo. Qualunque opzione va bene, l’importante è scegliere con consapevolezza, e non per abitudine o perché ingabbiati nei condizionamenti sociali, come dare un cuore alla vacanza.

Vacanza, del resto, deriva dal latino “vacare”, che significa essere vuoto, libero. E liberare la mente da schemi prefissati, da aspettative e ansia, da modelli e trofei, per fare spazio a tutto ciò che il momento vissuto ci propone, anche in maniera inaspettata, ci permette di guardare le cose intorno a noi con altri occhi.

Anche a due passi da casa, anche nella semplicità. Un piccolo viaggio da fare con passi leggeri, fuori e soprattutto dentro di noi. Un’esperienza da portare nella vita di tutti i giorni, come stimolo per aiutarci a vivere meglio.

Vogliamo provare a fare il vuoto e sperimentare un assaggio di libertà? Possiamo camminare insieme.

Esistono posti dei quali non si conosce il nome, perché puntini sbiaditi nelle carte geografiche, posti che però conservano i segni di passaggi nel tempo di uomini e donne che li hanno attraversati e arricchiti, esistono angoli di natura ancora selvaggia che puoi incontrare lungo il percorso senza bisogno di indicazioni, sentieri da seguire lasciandosi andare semplicemente all’istinto e alla voglia di vedere che cosa si nasconda dietro una curva.

Esistono racconti non scritti e voci da ascoltare per strada, animali da incontrare, crepe nel terreno e storie di tenacia. La luce di una vallata, il respiro di un’ascesa. Ecco, le Marche sono anche questo, una terra da toccare, una scommessa da accettare.

Un luogo capace di sorprenderti e di regalarti il senso della vacanza. Non importa la lunghezza del tempo a disposizione. Questo si dilata e si riempie di significato quando riusciamo a viverlo con intensità, con lo stupore di chi ha perso i punti di riferimento e continua a camminare.

Grazie