Prana e Pranayama

Il Rapporto tra i Chakras e i Nadis

Il nostro Corpo Pranico e’ composto da migliaia di fili luminosi dove scorre il PRANA. Si chiamano NADIS. Portano Coscienza e Prana in ogni Atomo del Corpo e sono 72.000. 

Quando pero’ i Nadis sono intasati di impurita’ questo scorrere di energia non puo’ facilmente accadere. Di che tipo di impurita’ stiamo parlando? Sono principalmente scarti e residui di sensi di vita e attaccamento a desideri materiali inappagati. Questo fa si che meno energia circoli nel corpo e che il corpo diventi cosi’ letargico. Questo calo delle energie fa abbassare le funzioni dei Chakra e anche le funzioni celebrali sono compromesse.

I canali energetici vanno quindi rafforzati e purificati per permettere un buon funzionamento delle facolta’ della persona. Il Corpo Pranico unisce il Corpo Fisico e la Mente.

Percio’, si puo’ accedere e lavorare ai NADIS da entrambi le parti, anche se pero’ e’ piu’ facile farlo direttamente attraverso il corpo fisico avvalendosi delle tecniche descritte dallo Yoga.

rapporto nadis chakra

Le Asana e il Pranayama combinati insieme influenzeranno e rafforzeranno il Sistema Nervoso Simpatico e Parasimpatico. IDA, PINGALA e  SUSHUMNA NADI, i tre principali NADIS ne beneficeranno direttamente.

Percio’ la pratica dell’HATHA YOGA e’ finalizzata al miglioramento del Sistema Nervoso Centrale. Il SADHAKA, ovvero il praticante deve non solo purificare i Canali Energetici (NADIS) ma anche aumentare la qualita’ e quantita’ di PRANA accumulato nei CHAKRA. Il PRANA infatti viene raccolto nei 6 (+1)  centri lungo la spina dorsale: i CHAKRAS  (Movimento Circolare o Ruota).

Ogni CHAKRA e’ un punto di connessione di molti NADIS

Ci sono molti CHAKRA nel corpo ma sono 7 i principali e si trovano lungo la colonna vertebrale, e riguardano direttamento lo sviluppo della coscienza e l’evoluzione umana.

Anche se sono situati nel corpo sottile hanno effetti nel Corpo Fisico. Ognuno vibra ad un certo ritmo e velocita’.

I Bassi CHAKRA a bassa frequenza e gli alti CHAKRA ad alte frequenze. Partendo dal basso abbiamo il 1 MOOLADHARA, 2 SWADHISTHANA, 3 MANIPURA, 4 ANAHATA, 5 VISHUDDHI, 6 AJNA e 7 SAHASRARA.

Quando pratichiamo il PRANAYAMA e’ ottimale farlo con SUSHUMNA aperto, ovvero quando respiriamo equamente da entrambe le narici. Cio’ significa che il SUSHUMNA e’ attivo.

Non sempre entrambe le narici sono libere, spesso solamente una e’ aperta mentre l’altra parzialmente o totalmente chiusa. Questo fenomeno viene chiamato dalla scienza rinite alternata. In YOGA questo fenomeno e’ chiamato SWARA.

La scienza di SWARA YOGA dice che ogni ora il respiro si alterna, di conseguenza o IDA o PINGALA sono attive.  Anche la Scienza moderna ha osservato questo processo di alternanza delle narici e la sua associazione con l’attivazione dell’emisfero DX o SX del Cervello. Il Cervello alterna le sue attivita’ ogni 60-90 minuti, come indicato dalle narici.

IDA, ovvero quando la narice sinistra e’ aperta, attiva l’emisfero destro (PASSIVO–PRINCIPIO FEMMINILE) e va associata con l’intuizione, creativita’ mentale, orientamento nello spazio.

PINGALA e’ invece quando la narice destra e’ aperta e l’emisfero sinistro e’ attivo (ATTIVO-PRINCIPIO MASCHILE) ed e’ piu connessa al processo di informazione logica, sequenziale e funziona con i criteri del tempo.

SUSHUMNA e’ invece quando entrambe le narici operano simultaneamente e l’energia viene trasferita da un emisfero all’altro equamente. Passa attraverso una sottile membrana chiamata CORPO CALLOSO. A questo punto l’intero Cervello puo’ funzionare e la percezione non sara’ limitata ad un solo modo di processare.

Secondo SWARA YOGA con IDA attiva, la persona dovrebbe fare attivita’ piu’ rilassanti, che richiedano creativita’ Mentale. Durante PINGALA attiva invece, siamo piu’ predisposti a svolgere lavori fisici, e durante SUSHUMNA dovrebbe essere praticato Yoga come ABHYASA o DHYANA.

La pratica dell’HATHA YOGA influenza i NADIS direttamente

I fattori che influenzano il flusso di PRANA nei NADIS sono lo Stile di Vita, la Dieta, i Desideri, i Pensieri e le Emozioni. La pratica dell’HATHA YOGA influenza i NADIS direttamente, ma l’intero esterno stile di vita andrebbe preso altrettanto in considerazione. Quando la personalita’ e’ bilanciata, e non ci sono estreme condizioni esterne nella Mente e Corpo, il respiro si armonizzera’.