La Pratica delle AsanaVideo Asana

SHIRSHASANA

SHIRSHASANA

Alcuni degli effetti:

Perché la postura abbia degli effetti bisogna rimanervi per almeno CINQUE minuti; la respirazione lenta produce una grande calma organica e il ritmo cardiaco è regolare.

Il cervello non soffre per un afflusso di sangue indesiderabile perché è troppo ben protetto.

I grandi vasi sanguigni cerebrali sono disposti in superficie, si dividono in piccole arterie, poi in arteriole che penetrano verticalmente nella sostanza grigia e più lentamente nella sostanza bianca.

La pressione arteriosa è così ripartita in un fascio molto ramificato e non può salire. Le arterie cerebrali hanno tendenza a sclerotizzarsi e si induriscono con l’età. Adattandosi a un flusso sanguigno trasportato con una gravità differente, esse utilizzano più a lungo la loro funzione di elasticità. Il massimo vantaggio è prodotto dalla pratica dei bandha.

A riposo, il 75% della massa sanguigna viene trattenuta nelle viscere addominali e nelle vene delle gambe. Le posizioni in piedi, sedute o capovolte drenano i tessuti, ma l’utilizzo dei bandha agisce più profondamente: il diaframma rimescola l’interno del tronco come un grande pistone, pressione e distensione si succedono massaggiando gli organi e i vasi, tutta la massa sanguigna viene messa in circolazione in modo armonioso poiché non vi è né congestione, né aumento della pressione arteriosa.

La muscolatura del perineo, base del tronco viene rinforzata.

Si è parlato degli effetti secondari come la scomparsa delle rughe e dei capelli bianchi, inoltre il mantenimento prolungato di questa Asana porta al miglioramento di molte malattie… ovviamente se praticata a lungo e regolarmente.

Shirshasana da sola racchiude molti dei benefici raggiungibili attraverso la pratica di molte Asana.

Tra i tanti, il miglioramento della vista, la revitalizzazione dello scalpo, la purificazione dei vasi sanguigni, il miglioramento e mantenimento della memoria, tosse, raffreddore, molte varietà di disordini all’uretra, ecc…

Questa Asana dovrebbe essere fatta gradualmente mantenendola il più possibile finché resta comoda, aumentando di poco a poco i tempi (senza utilizzare il supporto del muro), seguendo una dieta bilanciata ed evitando sostanze intossicanti (compresi alcuni farmaci).

Il cervello in questa posizione è al di sotto del livello del cuore. La ghiandola pituitaria, la tiroide, paratiroide e ghiandola pineale sono stimolate dal flusso sanguigno. In Shirshasana gran parte del corpo rimane al di sopra del cuore e questo fa si che, da un lato, avvenga un maggiore pompaggio del cuore per permettere al sangue di rifornire la regione – in questo caso – al di sopra del cuore contro la forza di gravità.

Normalmente infatti al cuore è richiesto di pompare contro la forza di gravità per rifornire la piccola porzione di corpo al di sopra del cuore (testa). Dall’altra parte Shirshasana permette una maggiore efficienza e passivo ritorno del sangue al cuore sotto l‘influenza della gravità dalla parte bassa del corpo, nella quale, ordinariamente tende a stagnare a meno che non venga aiutata con l’attività muscolare.

Questa buona quantità di sangue, che e’ di ritorno al cuore nella posizione capovolta, aiuta anche i muscoli del cuore che sono stimolati in una contrazione più forte. Tutto questo risulta in un miglioramento della sistole, contrazione del cuore, inoltre migliora il drenaggio e comporta un aumento della quantità di sangue che permette una maggiore essudazione di nutrienti contenti linfa nei fluidi extra-vascolari ed extra-cellulari dei capillari.

In questo modo una quantità maggiore di nutrienti ed ossigeno vengono forniti ai tessuti e le varie parti del corpo situate nella parte al di sotto del cuore, ovvero la testa.

Savasana deve immediatamente seguire Shirshasana.

Nel video Michele Morbidelli 30 minuti in Shirshasana.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *